Decreto sicurezza 4: disposizioni in materia di controllo sulle operazioni di noleggio di tir e furg

Il decreto n. 113/2018 recante "Disposizioni urgenti in materia di protezione internazionale e immigrazione, sicurezza pubblica, nonché misure per la funzionalità del Ministero dell'interno e l'organizzazione e il funzionamento dell'Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata" – c.d.. “Decreto sicurezza” – contiene nuove disposizioni con riferimento alle operazioni di noleggio di tir e furgoni .


L’art. 12 del Decreto stabilisce che per le finalità di prevenzione del terrorismo, gli esercenti attività di noleggio dovranno comunicare, per il successivo raffronto effettuato dal Centro elaborazione dati (CED), i dati identificativi riportati nel documento di identità esibito dal soggetto che richiede il noleggio di un autoveicolo.

Il Centro provvede ad inviare una segnalazione di allerta all’ufficio o comando delle Forze di Polizia per le conseguenti iniziative di controllo. Sempre nell’ottica di agevolare lo scambio di dati e di informazioni tra le Forze dell’Ordine, l’art. 18 del Decreto prevede che il personale dei Corpi e dei Servizi di Polizia Municipale dei Comuni con popolazione superiore ai 100 mila abitanti, addetto ai servizi di polizia stradale, ed in possesso della qualifica di agente di pubblica sicurezza, quando procede al controllo ed all’identificazione delle persone acceda al Centro Elaborazione Dati ai fine di verificare l’esistenza di eventuali provvedimenti di ricerca o di rintraccio esistenti nei confronti delle persone controllate.


L’art. 19 del Decreto introduce la possibilità per le Polizie Municipali dei Comuni con popolazione superiore ai 100 mila abitanti di utilizzare le armi ad impulsi elettrici., per un periodo sperimentale di 6 mesi. Con apposito regolamento comunale dovranno essere definite le modalità di sperimentazione nel rispetto dei principi di precauzione e di salvaguardia dell'incolumità pubblica, che dovrà essere effettuata previo un periodo di adeguato addestramento del personale interessato. Al termine del periodo di sperimentazione i Comuni potranno deliberare di assegnare in dotazione effettiva di reparto l'arma comune ad impulsi elettrici positivamente sperimentata

Featured Posts
Recent Posts
Archive
Search By Tags
Follow Us