Decreto sicurezza 3: disposizioni in materia di cittadinanza

Il decreto n. 113/2018 recante "Disposizioni urgenti in materia di protezione internazionale e immigrazione, sicurezza pubblica, nonché misure per la funzionalità del Ministero dell'interno e l'organizzazione e il funzionamento dell'Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata" – c.d.. “Decreto sicurezza” – contiene nuove disposizioni in materia di cittadinanza con riferimento alle disposizioni riguardanti lo svolgimento delle istanze di riconoscimento e concessione della cittadinanza in costante incremento.


L’art. 14 introduce l’istituto della revoca della cittadinanza concessa ai cittadini stranieri che costituiscano una minaccia per la sicurezza nazionale, qualora abbiano riportato condanne definitive per reati commessi con finalità di terrorismo ed eversione dell’ordine democratico.

E’ introdotta, infine, un’ulteriore fattispecie di revoca della cittadinanza concessa a cittadini stranieri qualora la stessa sia stata conseguita producendo atti falsi o rendendo false dichiarazioni.


In tali casi, entro 3 anni dal passaggio in giudicato della sentenza di condanna per i predetti reati, con Decreto del Presidente della Repubblica è adottata la revoca della cittadinanza. La norma si applica anche ai procedimenti di conferimento della cittadinanza in corso all’entrata in vigore del “Decreto sicurezza”.

Featured Posts
Recent Posts
Archive
Search By Tags
Follow Us